Pronto a partire?

Il Portogallo aspetta te!

Goditi serenamente la
tua pensione in un Paese
accogliente.

Contattami per una
consulenza gratuita

Cani e Gatti in Portogallo

Voglio iniziare una nuova vita in Portogallo ma sono preoccupato per il mio “amico” a quattro zampe: lo posso portare con me?

Certo che SI!

Ricordo che il Portogallo è un Paese della UE e uno dei vantaggi di appartenere all’Unione è che la legislazione in merito è comune e farci accompagnare dai nostri pelosetti non è un problema.

 

COSA FARE IN ITALIA PRIMA DI PARTIRE

Sarebbe cosa scontata scriverlo ma il pre-requisito essenziale è che il nostro amico abbia il microchip. Ma andiamo per gradi. Ecco i 3 pre-requisiti essenziali:

  1. Microchip: Il cane deve averlo per poter viaggiare all’estero (ricordo che è obbligatorio averlo anche in Italia…). Il libretto sanitario non è un documento ufficiale ma è solo un’attestazione storico-sanitaria del nostro animale. Non è quindi indispensabile averlo con sé.
  2. Vaccinazione antirabbica: Obbligatoria, da fare prima di partire. Bisogna rivolgersi al proprio veterinario che invia il certificato all’ASL di competenza in modo che possa essere informata. La vaccinazione sarà valida dopo 21 giorni da quando la si fa.
  3. Passaporto: Consiste in un libretto che certifica la proprietà dell’animale oltre che avere annotato la validità dell’antirabbica e lo si ritira presso l’ASL di appartenenza. Va rinnovato ogni anno insieme alla vaccinazione antirabbica, senza la quale risulta un documento non valido.

 

COSA FARE IN PORTOGALLO APPENA ARRIVATI

La prima cosa da fare è portare dal veterinario il nostro amichetto e far registrare il suo microchip nel database portoghese. Il costo è veramente esiguo: varia dai 5 ai 10 euro.

Fatto ciò, è necessario trascrivere i dati contenuti nel passaporto canino rilasciato in Italia, con il certificato di vaccinazione antirabbica rilasciata dall’ASL, in un registro di portoghese (il bollettino, come lo chiamano qui).

Con il bollettino portoghese in mano ed il documento di conferma che la registrazione del microchip è stata fatta, devi andare all'”anagrafe canina” del comune (Junta de Freguesia) più vicino alla tua residenza e registrare lì il tuo amichetto.

Questa iscrizione all’anagrafe canina (registro) portoghese serve a “legalizzare” la residenza del tuo animale domestico: è ciò che prova che l’animale è tuo e che vive all’indirizzo registrato.

 

SPESE MEDICHE

Le spese mediche veterinarie in Portogallo sono più basse rispetto che all’Italia. Un aspetto interessante in Portogallo è che quando è necessario somministrare farmaci, il veterinario ti vende solo la quantità di compresse necessarie per quel trattamento specifico; questo riduce notevolmente il costo dei medicinali per i proprietari oltre a ridurre lo spreco di farmaci.

 

IN VIAGGIO CON I NOSTRI AMICI

Viaggiare con il nostro amico in Portogallo non è differente da come avviene in Italia.

  • In metropolitana è consigliabile camminare con una museruola (specialmente per i cani più grandi che possono incutere timore negli altri passeggeri) ed inoltre il cane/gatto non deve necessariamente essere in un trasportino. Ci sono altre regole che variano da città a città; puoi consultare online o presso la biglietteria automatica presente in tutte le stazioni della metropolitana il regolamento specifico;
  • Sul bus: come per la metropolitana. Tuttavia in molte città le regole richiedono che gli animali siano messi nel trasportino, specialmente a Lisbona o Oporto;
  • Sul treno, dipende dalla lunghezza del viaggio. Se è un viaggio breve, la regola è la stessa della metropolitana, ma se la distanza è più lunga, è necessario avere il trasportino e potresti pagare un costo aggiuntivo per il trasporto. Attenzione: c’è ha una dimensione massima consentita per il cane/trasportino. Per dettagli, puoi consultare il sito www.cp.pt (hanno anche una chat e sono super disponibili).

Per quanto riguarda gli altri luoghi (centri commerciali, negozi, ecc.) è necessario informarsi di volta in volta. Solitamente nei centri commerciali si può portare il proprio amico in grembo o in un trasportino/ valigetta (cattiva notizia per coloro che hanno cani di grossa taglia…).

Discorso a parte per i ristoranti. Molti ristoratori iniziano a permettere ai nostri amici di mangiare con noi. Ma non è sempre così.

Quindi prima di prenotare il ristorante informati se puoi portare con te l’amichetto a 4 zampe.

 

MONUMENTI E DINTORNI

Nei principali monumenti portoghesi i cani non sono ammessi. Anche il parco di Sintra non ammette l’ingresso dei nostri amici a 4 zampe.

Organizzare al meglio la tua permanenza è quindi fondamentale. Se proprio bisogna scegliere, il consiglio è sempre quello di portare il tuo cane con te, la mattina o il tardo pomeriggio, perché più fresco e quindi meno stressante per il tuo amico.

Naturalmente, porta il cane sempre al guinzaglio in modo che nessuno possa fare obiezioni. È comunque obbligatorio in tutto il Portogallo così come in Italia.

 

IL CLIMA

Il caldo è un elemento da tenere bene a mente quando si parla di Portogallo, sopratutto nella parte centrale e a sud del Paese: per intenderci Algarve e Lisbona. Nell’Algarve le temperature sono simili a quelle del sud Italia – dove d’estate si superano facilmente i 30° – mentre nelle grandi città, Lisbona/Oporto, il clima è leggermente più umido e meno caldo. Al nord del Portogallo le estati sono meno calde, ma con tassi d’umidità importanti.

In estrema sintesi il clima del Portogallo è come quello Italiano.

 

 

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo sui Social e metti “mi piace” alla pagina Facebook e G+ di “Pensione in Portogallo”.

Lascia un commento